WBCSD identifica Futur-e come business case di successo

Pubblicato il mercoledì, 20 settembre 2017

Il progetto Futur-e è stato identificato dal World Business Council per lo Sviluppo Sostenibile (WBCSD) come un business case sul quale gli esecutivi di tutto il mondo possono basare le pratiche di economia circolare.

La WBCSD, un'organizzazione mondiale formata da oltre 200 aziende leader che collaborano per accelerare la transizione verso un mondo sostenibile, ha riassunto i risultati di oltre 100 interviste e risposte ad indagini e ha quindi identificato otto casi aziendali che costituiscono best practice di economia circolare.

Enel è stata selezionata perché WBCSD considera che l'azienda abbia adottato un approccio “circolare” evitando così i rischi di un approccio “lineare”, in particolare valorizzando il riutilizzo di strutture e aree, recuperando risorse alla fine del ciclo di vita di un impianto e collaborando con il settore pubblico e le comunità locali.

WBCSD spiega che, in risposta alla profonda trasformazione dello scenario, Enel sta riqualificando 23 delle sue vecchie centrali termiche. La dismissione di asset industriali è una sfida che Enel ha scelto di affrontare con soluzioni improntate a sostenibilità e circolarità in tutte le fasi del processo, coinvolgendo le comunità locali nei processi di riqualificazione e lavorando per massimizzare il riutilizzo e il recupero delle risorse ed evitare sprechi.

Un percorso virtuoso riconosciuto da WBCSD, che ha focalizzato la sua analisi anche su aspetti specifici dei progetti in corso per riqualificare gli impianti.

Scegli l'energia che fa per te

Trova la soluzione migliore per la tua casa o la tua impresa