Futur-e, nuova vita alla centrale di Portoscuso

Pubblicato il giovedì, 30 novembre 2017

Il sito della centrale Enel situata nell’area industriale di Portovesme a Portoscuso sarà protagonista a breve di una procedura per individuare progetti di riqualificazione, all’interno del programma Futur-e. Il percorso scelto per l’area è stato presentato nei giorni scorsi da Marco Fragale, responsabile del progetto Enel Futur-E, e da Antonella Bruzzese, Professore associato in Urbanistica presso il Politecnico di Milano, alla presenza dell’Assessore Regionale all’Industria Maria Grazia Piras, il Coordinatore del Piano Sulcis Salvatore Cherchi, del Sindaco di Portoscuso Giorgio Alimonda, del Presidente regionale di Confindustria Alberto Scanu, del Responsabile Affari Istituzionali Centro Italia di Enel Fabrizio Iaccarino e del Responsabile Unità di Business Sulcis di Enel Carlo Ardu.

Le parole chiave del percorso saranno condivisione e sostenibilità, per far sì che la dismissione dell’impianto diventi una nuova opportunità per il territorio.

Per la riqualificazione dell’area della centrale a olio di Portoscuso è stata scelta la strada del Concorso di progetti: non una semplice procedura di vendita, ma un percorso creato appositamente per individuare progetti concreti e investitori interessati a realizzarli.  Queste, quindi, le prossime tappe: con il supporto del Politecnico di Milano e il coinvolgimento degli stakeholder del territorio, entro il primo trimestre del 2018 verranno definiti i possibili scenari di sviluppo per il sito, in maniera compatibile e integrata con i progetti già esistenti per l’area e sulla base di studi del contesto economico, dei piani urbanistici e delle aspettative delle comunità locali. Nel corso del primo semestre del 2018 verrà quindi lanciato il Concorso che riguarderà gli ambiti d’intervento definiti nella prima fase.

Il “concorso di progetti” si articola in più fasi: in un primo momento i partecipanti alla procedura presentano le “manifestazioni di interesse” per l’area. Accertato il possesso dei requisiti previsti, si apre la seconda fase della procedura, che prevede l’invio di Proposte Progettuali per la riqualificazione dell’area, comprensive di Offerte Vincolanti per l’acquisizione del sito. La valutazione delle proposte viene affidata ad una commissione tecnica formata da rappresentanti di istituzioni locali, mondo accademico, ed Enel, che verifica l’idoneità delle soluzioni presentate, con particolare attenzione alle esigenze della comunità locale e a specifici requisiti di qualità della proposta, innovazione e sostenibilità sociale, ambientale e finanziaria, e applicazione dei principi di economia circolare. Solo le proposte che rispondono a tali requisiti accedono alla fase finale del percorso, finalizzata a individuare il progetto definitivo per il sito.

Scegli l'energia che fa per te

Trova la soluzione migliore per la tua casa o la tua impresa