Futur-e: Decommissioning per il low-carbon

Pubblicato il venerdì, 16 febbraio 2018

Il progetto Futur-e è stato uno dei 18 case study presentati alla conferenza “Europe’s decommissioning and demolition of conventional power plants conference”, che si è svolta a Berlino il 15 e 16 febbraio.  Il tema è centrale per le sue conseguenze sull’ambiente: la progressiva uscita dalla produzione di fonti fossili, attraverso iniziative volte a dare nuova vita alle grandi centrali termoelettriche non più strategiche, è infatti un passaggio cruciale del percorso europeo verso la decarbonizzazione del nostro mix di generazione previsto per il 2030, accanto all’investimento nelle rinnovabili.

L’evento ha presentato e messo a confronto studi e strategie presentati da player di livello internazionale, tra cui, oltre ad Enel, RWE, EDP Portogallo e Uniper. I temi trattati hanno riguardato tutti gli aspetti del DD: il decommissioning nell’osservanza degli impegni UE per la decarbonizzazione, tecniche di DD, interazioni tra operatori e appaltatori nella demolizione, rilocalizzazione di impianti, gestione strategica della rimozione di amianto e radiazione ambientale, impegno e collaborazione degli stakeholder.

Temi trattati anche da Enel, presente con Futur-e, il progetto scelto dall’azienda per porsi alla guida della transizione energetica attraverso un metodo in grado di garantire soluzioni sostenibili per la riqualificazione di 23 siti di centrali, o parte di questi, che insistono sul territorio nazionale.

Nel corso del suo intervento Giuseppe D’Orsi, Project Manager Futur-e, ha presentato l’approccio ideato da Enel e le sue applicazioni, tra procedure di concorso, cessioni e riqualificazioni ad uso interno, accomunate dagli elementi cardine del progetto: condivisione con le comunità locali, sostenibilità economica, sociale e ambientale e principi di circular economy.

“Futur-e prevede la riduzione di ogni possibile spreco e il massimo ricorso al riutilizzo nel processo di riconversione – ha spiegato D’Orsi – Un impegno che portiamo avanti sia nella progettazione della nuova vita dei siti delle centrali che nelle fasi di cantiere e di demolizione”.

Tra i casi presentati, i concorsi di progetto di Montalto di Castro e Rossano e il percorso avviato per la riqualificazione dell’area dell’ex miniera di Santa Barbara in Toscana. Tutti esempi di come Enel non si limiti a chiudere i siti o a cercare acquirenti: l’obiettivo è ripensare il loro utilizzo in modo da generare valore condiviso per i territori, individuando soluzioni e progetti che guardino anche al di fuori del settore energetico.

Oramai Futur-e può definirsi un “metodo”, oltre che un progetto: si tratta del primo caso al mondo in cui un’azienda lancia un programma di riconversione di impianti su così larga scala innestandovi principi di sostenibilità ed economia circolare, e ormai sempre più spesso questo percorso viene raccontato in contesti internazionali come esempio di “best practice”. Questo proprio grazie agli elementi che accomunano tutte le diverse strategie adottate per i siti: coinvolgimento del territorio, procedure volte a garantire la sostenibilità dei progetti e il riutilizzo delle strutture esistenti e soprattutto l’idea che solo con la collaborazione di tutti gli stakeholder è possibile trasformare quello che in termini industriali potrebbe rappresentare una criticità, come la chiusura in un impianto, in una nuova opportunità.

Scegli l'energia che fa per te

Trova la soluzione migliore per la tua casa o la tua impresa