Enel, il welfare su misura

Pubblicato il venerdì, 26 maggio 2017

“I benefici sono quelli di un miglior clima aziendale, di un maggior senso di appartenenza e la possibilità di un'ulteriore spesa perché tutte le somme sono detassate e consentono ai lavoratori di avere una maggiore disponibilità economica attraverso la riduzione del cuneo fiscale”

– Filippo Contino, responsabile Relazioni industriali Italia di Enel

Al progetto è dedicato un portale interattivo, MyWelfare, raggiungibile da tutti i dispositivi (pc, tablet, smartphone) nella sezione dedicata, nell’area “La Mia Enel” della Intranet aziendale. Dalla piattaforma si potrà operare la conversione e gestire il ‘Credito Welfare’, scegliendo tra i vari servizi offerti, compresi quelli di ARCA, FISDE e FOPEN con i quali il portale è integrato.

Per le spese riguardanti l’istruzione dei figli e l’assistenza ai familiari anziani o non autosufficienti è previsto il rimborso. Altri beni e servizi, invece, possono essere fruiti mediante la conversione diretta del proprio “Credito Welfare”, come i fringe benefit (buoni carburante, buoni spesa e/o shopping), i servizi per l’attività ricreativa, formativa, sportiva (per esempio la palestra), direttamente in convenzione tramite un network di fornitori selezionati o attraverso un voucher nominativo, non cedibile e non convertibile in denaro. Attraverso il portale si potranno anche suggerire nuove strutture o enti con cui aprire convenzioni.

Infine, le scadenze. Dal 14 giugno al 7 luglio si potrà scegliere se convertire quote provenienti dai premi di redditività e produttività in "Credito Welfare", specificando il valore. Dal 24 luglio al 30 novembre, invece, si potrà visualizzare il credito convertito e fruirne concretamente in beni e servizi.

Scegli l'energia che fa per te

Trova la soluzione migliore per la tua casa o la tua impresa