ENEL ACQUISISCE UN ULTERIORE 13,6% DEL CAPITALE DELLE CONTROLLATE RUMENE E- DISTRIBUTIE MUNTENIA ED ENEL ENERGIE MUNTENIA

Published on lunedì, 10 aprile 2017 00:05

Finalizzato l’acquisto di un ulteriore 13,6% del capitale delle società di distribuzione e vendita di energia elettrica operanti nella regione rumena di Muntenia per un corrispettivo di circa 400 milioni di euro  

Roma, 10 aprile 2017 – Enel S.p.A. (“Enel”) comunica che la società interamente controllata Enel Investment Holding B.V. (“EIH”) ha finalizzato oggi l’acquisto da SAPE S.A. (“SAPE”, holding pubblica rumena che detiene le partecipazioni statali) del 13,6% circa del capitale di E-Distributie Muntenia S.A. (“EDM”) ed Enel Energie Muntenia S.A. (“EEM”), per un corrispettivo complessivo di circa 400 milioni di euro.

A seguito dell’operazione, EIH ha aumentato la propria partecipazione in EDM ed EEM a circa il 78% del relativo capitale sociale, rispetto al 64,4% detenuto in precedenza.

L’acquisto da parte di EIH dell’ulteriore 13,6% circa del capitale di EDM e EEM consegue all’esercizio da parte di SAPE, nel novembre 2012, di una put option. Con l’esercizio di tale put option, SAPE aveva chiesto un corrispettivo pari a circa 520 milioni di euro, il cui ammontare era stato contestato da EIH. A seguito del mancato raggiungimento di un accordo sul corrispettivo di tali partecipazioni, nel 2014 SAPE aveva avviato un arbitrato presso la Camera di Commercio Internazionale di Parigi, nel corso del quale aveva chiesto, oltre al pagamento del corrispettivo sopra indicato, circa 60 milioni di euro a titolo di interessi.

Il Tribunale Arbitrale, con lodo emesso lo scorso 3 febbraio 2017, ha fissato in circa 400 milioni di euro il prezzo di acquisto delle partecipazioni oggetto della put option, riducendo di oltre 100 milioni di euro l’importo richiesto da SAPE e rigettando la domanda relativa agli interessi.

Ai fini contabili, il corrispettivo fissato dal Tribunale Arbitrale per il 13,6% circa del capitale di EDM e EEM è inferiore all’ammontare finora iscritto a tale riguardo nel bilancio consolidato del Gruppo Enel, pari a 448 milioni di euro. Si segnala, inoltre, che trattandosi di una business combination relativa a una acquisizione effettuata nel 2008, tale operazione non genera effetti sul conto economico consolidato, mentre determina un incremento di importo dell’indebitamento finanziario netto consolidato pari ai 400 milioni di euro precedentemente citati.

L’operazione sopra indicata è coerente con il driver del Piano Strategico 2017-2019 rappresentato dal programma di gestione attiva del portafoglio, che prevede la destinazione di circa 2 miliardi di euro ad operazioni relative all’acquisizione di partecipazioni di minoranza (oltre che all’eventuale acquisto di azioni proprie). Il corrispettivo fissato dal Tribunale Arbitrale per il 13,6% circa del capitale di EDM e EEM risulta inoltre coerente con le proiezioni contenute nel medesimo Piano Strategico 2017-2019 circa  l’evoluzione dell’indebitamento finanziario netto consolidato.

Origini dell’acquisizione del controllo di EDM ed EEM da parte del Gruppo Enel – A seguito del processo di privatizzazione avviato dal governo rumeno, nel 2008 Enel aveva acquistato una partecipazione di controllo, pari al 64,4% del capitale, in Electrica Muntenia Sud S.A. (“EMS”), conseguente  alla stipula, nel giugno 2007, di un contratto di privatizzazione con Electrica S.A. Sempre nel 2008, in attuazione della disciplina in materia di unbundling, le attività di distribuzione e quelle di vendita di energia elettrica svolte da EMS sono state assegnate alle indicate società di nuova costituzione EDM ed EEM; successivamente, nel dicembre 2009, Enel ha ceduto ad EIH l’intera partecipazione del 64,4% all’epoca posseduta nel capitale di tali due società.

 

Tutti i comunicati stampa di Enel sono disponibili anche in versione Smartphone e Tablet. Puoi scaricare la App Enel Corporate su Apple Store e Google Play.

Economico | aprile, 10 2017

1667007-1_PDF-1.pdf

PDF (0.09MB)DOWNLOAD