L’ASSEMBLEA DI ENEL APPROVA IL BILANCIO 2016 E NOMINA IL NUOVO CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE, CONFERMANDO PATRIZIA GRIECO COME PRESIDENTE

Published on giovedì, 4 maggio 2017 21:29

Approvato il bilancio al 31 dicembre 2016 e deliberato un dividendo complessivo di 0,18 euro per azione (0,09 euro già versati quale acconto a gennaio 2017 e i rimanenti 0,09 euro in pagamento a titolo di saldo nel mese di luglio 2017).

Autorizzati l’acquisto e la disposizione di azioni proprie.

Nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione per il triennio 2017-2019 e confermata Patrizia Grieco quale Presidente.

Approvato il Piano di incentivazione di lungo termine per il 2017 destinato al management del Gruppo Enel, nonché la relazione sulla remunerazione.

Roma, 4 maggio 2017 – Si è riunita oggi a Roma, sotto la presidenza di Patrizia Grieco, l’Assemblea ordinaria degli Azionisti di Enel S.p.A. (“Enel”).

Nel corso dell’Assemblea è stato anzitutto approvato il bilancio civilistico di Enel al 31 dicembre 2016 e presentato il bilancio consolidato del Gruppo Enel riferito al medesimo esercizio.

Su proposta del Consiglio di Amministrazione è stato quindi approvato un dividendo complessivo pari a 0,18 euro per azione e deliberata la distribuzione di 0,09 euro per azione quale saldo del dividendo, di cui 0,07 euro a titolo di distribuzione dell’utile dell’esercizio 2016 e 0,02 euro a titolo di parziale distribuzione della riserva disponibile denominata “utili accumulati”, tenuto conto dell’acconto di 0,09 euro per azione già pagato nel mese di gennaio 2017. Tale saldo del dividendo verrà messo in pagamento, al lordo delle eventuali ritenute di legge, a decorrere dal 26 luglio 2017, previo stacco della cedola n. 26 in data 24 luglio 2017 e record date (ossia data di legittimazione al pagamento del dividendo stesso) in data 25 luglio 2017.

L’Assemblea ha poi autorizzato il Consiglio di Amministrazione all’acquisto e alla successiva disposizione di azioni proprie per un massimo di 500 milioni di azioni della Società, rappresentative del 4,92% circa del capitale sociale, e un esborso complessivo fino a 2 miliardi di euro. L’acquisto di azioni proprie è stato consentito per diciotto mesi a decorrere dall’odierna delibera assembleare; non è stato invece previsto alcun limite temporale per la disposizione delle azioni proprie acquistate. L’Assemblea ha inoltre definito, secondo quanto proposto dal Consiglio di Amministrazione, finalità, termini e condizioni dell’acquisto e della vendita di azioni proprie, individuando in particolare le modalità di calcolo del prezzo di acquisto, nonché le modalità operative di effettuazione delle operazioni di acquisto.

L’Assemblea ha inoltre nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione – il cui mandato scadrà in occasione dell’approvazione del bilancio dell’esercizio 2019 – che sarà composto da:

  • Patrizia Grieco (confermata quale Presidente) (1), (3)
  • Francesco Starace (1)
  • Alfredo Antoniozzi (1), (4)
  • Alberto Bianchi (1), (4)
  • Cesare Calari (2), (4)
  • Paola Girdinio (1), (4)
  • Alberto Pera (1), (4)
  • Anna Chiara Svelto (2), (4)
  • Angelo Taraborrelli (2), (4)

Le liste di provenienza e i profili professionali dei componenti del nuovo Consiglio di Amministrazione sono reperibili sul sito internet aziendale (www.enel.com). 

L’Assemblea ha poi confermato il compenso del Presidente del Consiglio di Amministrazione in 90.000 euro lordi annui e quello di ciascuno degli altri Consiglieri in 80.000 euro lordi annui.

L’Assemblea ha infine approvato il Piano di incentivazione di lungo termine per il 2017 destinato al management di Enel e delle società da questa controllate ai sensi dell’art. 2359 cod. civ. e ha anche espresso voto favorevole sulla sezione della Relazione sulla Remunerazione che illustra la politica adottata dalla Società per l’esercizio 2017 in materia di remunerazione degli Amministratori, del Direttore Generale e dei Dirigenti con responsabilità strategiche.

(1) Componente tratto dalla lista presentata dall’Azionista Ministero dell’Economia e delle Finanze, che in sede di votazione ha ottenuto la maggioranza dei voti espressi dal capitale presente o rappresentato in Assemblea.
(2) Componente tratto dalla lista presentata da un raggruppamento di società di gestione del risparmio e altri investitori istituzionali, che in sede di votazione ha ottenuto la minoranza dei voti espressi dal capitale presente o rappresentato in Assemblea.
(3) Ha dichiarato di essere in possesso dei requisiti di indipendenza previsti dal Testo Unico della Finanza.
(4) Ha dichiarato di essere in possesso dei requisiti di indipendenza previsti dal Testo Unico della Finanza e dal Codice di Autodisciplina.

Economico | maggio, 04 2017

1667124-1_PDF-1.pdf

PDF (0.07MB)DOWNLOAD