ENEL NELLA TOP 20 DELLA WORLD’S BEST EMPLOYERS LIST 2017 DI FORBES MAGAZINE

Published on venerdì, 20 ottobre 2017

Il Gruppo elettrico è prima tra le utility a livello globale e prima tra le aziende italiane

Roma, 20 ottobre 2017 – Enel è stata inclusa nella top 20 della World's Best Employers List 2017 di Forbes Magazine, prima tra le utility a livello globale e prima tra le aziende italiane. La classifica di Forbes, redatta annualmente, si basa su un sondaggio effettuato su 36mila opinion leader globali che definiscono la lista dei 500 migliori datori di lavoro del mondo.

Per la realizzazione della World's Best Employers List 2017, i dipendenti delle società coinvolte sono stati invitati a valutare il proprio datore di lavoro, chiedendo ad esempio la probabilità con cui avrebbero consigliato a un amico di candidarsi per un posto di lavoro.

“Siamo molto soddisfatti dell’inclusione di Enel nella World’s best employers list di Forbes magazine– dichiara Francesco Starace, Amministratore Delegato di Enel – perché questo riconoscimento testimonia il grande lavoro che stiamo facendo per valorizzare e motivare chi lavora nel nostro Gruppo e per attrarre i migliori talenti necessari per affrontare le sfide che la trasformazione energetica pone alla nostra società”.

Enel mette a disposizione dei dipendenti diversi strumenti per conciliare vita privata e lavoro: orari flessibili, banca ore, part time e lo smart working. Il Gruppo ha inoltre realizzato numerosi programmi di valorizzazione di idee. Un esempio è la piattaforma Open Innovability, attraverso la quale l’azienda ricerca soluzioni innovative per il business che le permettono di aprirsi sia al mondo delle startup e dell’innovazione, sia ai colleghi che vogliono proporre nuovi progetti e soluzioni di business. Un’ulteriore iniziativa è il programma My best failures, lanciato per condividere errori e insuccessi tra colleghi, trasformandoli in opportunità di miglioramento per tutti. Il modello di innovazione e sostenibilità di Enel è stato oggetto di due casi di studio da parte delle Università di Berkeley e di Harvard nel corso dell’ultimo anno.

I valori e il modello aperto che Enel promuove tra i propri dipendenti richiamano alcuni dei 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile dell'Agenda 2030 dell’ONU come ad esempio: salute e benessere, istruzione di qualità e parità di genere. La valorizzazione delle diversità è stata riconosciuta anche da Thomson Reuters che, nel novembre 2016, ha incluso il Gruppo al 25esimo posto tra le 100 migliori aziende internazionali attente al rispetto della diversità.

| ottobre, 20 2017

1671673-1_PDF-1.pdf

PDF (0.06MB)DOWNLOAD