Delegazione di studentesse universitarie statunitensi in visita presso l'impianto idroelettrico di Anapo e Archimede (Priolo Gargallo - SR)

Published on giovedì, 7 luglio 2016

Martedì 5 luglio, l'impianto idroelettrico di Anapo (SR) e la centrale “Archimede” di Priolo Gargallo (SR), due siti che rivestono notevole interesse tecnologico e rilevanza strategica per l'intero sistema elettrico nazionale, hanno aperto le loro porte a un gruppo di studentesse universitarie e di docenti, la maggior parte provenienti dagli Stati Uniti e ospitati dalla scuola di Siracusa, la Sicily Center for International Education (SCIE Center). Il centro siciliano con sede a Palazzo Borgia, prestigioso palazzo storico della cittadina siciliana, offre supporto logistico ed accademico a gruppi stranieri, universitari e non, in visita nella nostra isola, ponendo, al contempo, grande attenzione alle eccellenze tipiche siciliane nonché alle tematiche dell'ambiente, della sostenibilità e alle energie rinnovabili.

Luca Selmi (Responsabile Plants Unit Anapo), Salvatore Corridore (Responsabile Staff Archimede), Emanuele Silvestri (Affari Istituzionali Area Sud) hanno accolto i visitatori stranieri che sono stati guidati e accompagnati direttamente all'interno delle centrali, illustrandone i principali componenti e i loro principi di funzionamento.

“L'iniziativa è stata molto apprezzata dai visitatori poiché caratterizzata da un piacevole clima di dialogo”, ha dichiarato Luca Selmi, “in cui le studentesse e i docenti hanno avuto la possibilità di porre domande e curiosità, rendendo la giornata ricca di stimoli e di interesse reciproco”. A conclusione dell'iniziativa la coordinatrice del gruppo Susy Kimbell ha ringraziato Enel, nella persona di Andrea Girolamo Cicero (Responsabile Unità di Business Hydro Sicilia) e Michele Vinci (Responsabile Unità di Business thermo Priolo Gargallo) per aver reso possibili e interessanti le visite nonché per l'ospitalità ricevuta e la professionalità riscontrata.

Sicilia | luglio, 07 2016

1666076-1_PDF-1.pdf

PDF (0.82MB)DOWNLOAD