BRACCIANO: NUOVI SPAZI E ATTIVITA’ PER L’ASSOCIAZIONE A.A.I.S. ONLUS, IMPRESA SOCIALE GRAZIE AD ENEL CUORE ONLUS

Published on venerdì, 15 settembre 2017

Un momento di incontro e di condivisione, quello di venerdì 15 settembre, per inaugurare i nuovi spazi costruiti da A.A.I.S. Onlus Bracciano grazie al contributo Enel Cuore Onlus. Nuove aree di inclusione e di apprendimento di cui potranno beneficiare gli oltre 30 ospiti del centro diurno polivalente in fattoria sociale. A.A.I.S. (Associazione per l'Assistenza e l'Integrazione Sociale) è nata nel 1981 con l’obiettivo di offrire servizi che, tramite un recupero psicoterapeutico, pedagogico e formativo, possano consentire l'integrazione dei disabili adulti residenti nel comune di Bracciano, nei comuni limitrofi (Trevignano, Anguillara, Canale Monterano, Manziana) e nella provincia. Fino a un anno fa le attività del centro diurno si svolgevano presso un'altra sede a Bracciano, ma nel settembre del 2016, grazie al sostegno di Enel Cuore Onlus, l'associazione ha potuto trasferirsi definitivamente presso la fattoria sociale "Sabrina Casaccia" a Castel Giuliano, ampliando la struttura già esistente con nuove aree che permettono di offrire agli ospiti spazi di incontro e apprendimento. I locali sono stati utilizzati per allestire un laboratorio di ceramica e un laboratorio multimediale attrezzato per l'informatica e la fotografia, dotato di strumenti facilitativi per l'apprendimento. L’allargamento dello spazio dedicato alla cucina ha permesso di tenervi lezioni dedicate e di garantire il servizio mensa un giorno a settimana. Tutto questo si aggiunge alle altre attività della fattoria, dove le persone con disabilità possono dedicarsi all’apicoltura e ad attività di agricoltura sociale; attività che pongono l'attenzione non solo verso gli equilibri ambientali ma rappresentano anche uno strumento di autofinanziamento. Enel Cuore Onlus ha sostenuto l’iniziativa di AAIS Onlus Bracciano in questo progetto unico sul territorio che propone un modello formativo e di inclusione attraverso il contatto con la natura e con le pratiche di agricoltura sociale. La partecipazione attiva di volontari e cittadinanza rende la fattoria un punto di integrazione e interazione sociale.