Con Enel il Cinquecento rivive a Palazzo Strozzi

Pubblicato il venerdì, 22 settembre 2017

Colori più vividi e marmi di nuovo lucenti. Dettagli oscurati dal tempo che tornano sorprendentemente visibili. Il restauro delle 70 opere che danno vita alla mostra “Il Cinquecento a Firenze”, in calendario fino al 21 gennaio a Palazzo Strozzi, ha conferito ai capolavori di 41 artisti rinascimentali un’energia e una freschezza sbalorditive.

È l’effetto che l’arte guadagna, quando Enel si fa sponsor di grandi iniziative ed eventi culturali. Già partner a Firenze del Maggio Musicale, l’azienda ha scelto ora di sostenere con altri un evento dove protagoniste sono pittura e scultura.

L’allestimento curato da Antonio Natali e Carlo Falciani ha potuto beneficiare di prestiti da alcune delle più importanti istituzioni mondiali: grazie anche ai fondi raccolti sono stati realizzati interventi di salvaguardia delle opere dal valore di 350mila euro.

Il trio su cui si concentrano le attenzioni maggiori è composto dalla “Deposizione dalla croce di Volterra” di Rosso Fiorentino (1521), dalla “Deposizione di Santa Felicita” del Pontormo (1525-1528) e dal “Cristo deposto di Besançon” del Bronzino, rientrato per la prima volta a Firenze dall’anno della sua creazione, nel 1545. Fra i nomi in mostra sono però presenti altri giganti dell’arte italiana, da Michelangelo a Giambologna.

Oltre a essere associata a un ciclo di conferenze diffuso, “Il Cinquecento a Firenze” è accompagnata da una brochure con itinerari di approfondimento del territorio e da un biglietto che consente anche la visita del Museo dell’Opera del Duomo, così come della BIAF (Biennale Internazionale dell’Antiquariato di Firenze). Quando l’arte incontra Enel, tutte le porte si aprono.

Scegli l'energia che fa per te

Trova la soluzione migliore per la tua casa o la tua impresa