ENEL E LEGA NAZIONALE DILETTANTI INSIEME PER SOSTENERE I VALORI GENUINI DEL CALCIO

Published on martedì, 11 marzo 2003

Sarà premiata la passione per lo sport, la lealtà e l’ospitalità del pubblico. Alle migliori squadre il riconoscimento “11 in condotta” Una campagna di comunicazione a supporto dell’iniziativa con lo slogan “Eppure, il muscolo più importante di un calciatore è il cuore”
Roma, 11 marzo 2003 – E’ stato presentato oggi dal presidente di Enel, Piero Gnudi, dall’amministratore delegato di Enel, Paolo Scaroni, dal presidente della Lega Nazionale Dilettanti, Carlo Tavecchio, e dal presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio, Franco Carrraro, il progetto di collaborazione tra LND ed Enel che intende promuovere i valori genuini del calcio nel mondo dilettantistico. Un universo che per la sua diffusione capillare sul territorio nazionale e per la variegata articolazione dell'attività agonistica ogni settimana anima, con migliaia di appassionati, oltre 10.000 campi da gioco, coinvolgendo poco meno di 45.000 squadre, più di 13.000 società e 1.700.000 tesserati. “Abbiamo scelto di sponsorizzare la Lega Dilettanti – ha detto Piero Gnudi – perché il rispetto delle regole che è alla base del concetto stesso di sport, e in particolare di quello praticato per passione, è anche fondamentale per una grande società come Enel che si è dotata di un forte codice etico e di rigorose norme di governance, condizioni indispensabili per poter conservare e accrescere la fiducia del mercato”. Paolo Scaroni ha sottolineato due ulteriori motivi per i quali Enel ha scelto di sostenere questa importante realtà associativa: “Prima di tutto per le dimensioni dei pubblici che coinvolge, che si avvicinano ai grandi numeri dei nostri clienti, trenta milioni nell’elettricità e un milione e settecentomila nel gas, e dei nostri azionisti, oltre due milioni e mezzo, ma anche per la consonanza tra lo spirito agonistico, l’entusiasmo e la generosità che animano lo sport dei dilettanti e le doti di cui ha bisogno la nostra società per battersi in un mercato dell’energia sempre più aperto e competitivo”. Per il presidente della Lega Nazionale Dilettanti, Carlo Tavecchio, “E’ doveroso un ringraziamento all’Enel che ci offre la possibilità di stabilire un connubio vincente e di integrare la collaborazione con la Lega Nazionale Dilettanti alla luce della reciproca esperienza, completandola in quel clima di profonda partecipazione determinato anche dalla comune volontà di raggiungere un traguardo di visibilità nel segno dei valori dello sport dilettantistico”. Il progetto, di durata biennale, interesserà, a partire dalla stagione agonistica 2003/2004, tutti i tornei e i campionati di Serie “D”, femminile e Calcio a Cinque. Inoltre è previsto il coinvolgimento dei vari livelli regionali, provinciali e Juniores. A sostegno dell’iniziativa sarà avviata una campagna di comunicazione con lo slogan “Eppure, il muscolo più importante di un calciatore è il cuore” che prevede l’affissione di manifesti presso le sedi di tutte le società sportive e nei luoghi di incontro del calcio dilettantistico. Sulle magliette di tutte le squadre dilettanti (braccio sinistro) sarà inoltre riprodotto il logo LND – Enel. Ogni anno saranno assegnati, da parte di apposite giurie, composte da giornalisti sportivi e rappresentanti del mondo dello sport e dello spettacolo, i premi “Passione per lo Sport” (ai migliori atleti/e per la loro capacità e correttezza sportiva); “Lealtà Sportiva” (alle migliori squadre per il loro comportamento sportivo) e “Ospitalità” (al miglior pubblico per la correttezza dimostrata nei confronti della tifoseria ospite). Alle squadre più corrette andrà inoltre il riconoscimento “11 in condotta” che sarà periodicamente consegnato direttamente sui campi, prima delle gare e dinanzi al pubblico. La squadra che avrà raggiunto alla fine del campionato il maggior numero di nomination riceverà il titolo di campione nazionale “11 in condotta”.
Generale | marzo, 11 2003

366121-1_PDF-1.pdf

PDF (0.03MB)DOWNLOAD