#SiamoEnel Ambasciatori dell’inclusione e dell’unicità

#SiamoEnel
Ambasciatori dell’inclusione
e dell’unicità

{{item.title}}

Diversità e Inclusione

Per noi, la diversità è una risorsa straordinaria, una forza che favorisce innovazione e crescita. Valorizziamo l’unicità di ogni individuo, la sua capacità di contribuire con le proprie caratteristiche, esperienze, prospettive e qualità al risultato del Gruppo, rendendoci una realtà aperta e resiliente. Per questo, poniamo particolare attenzione a creare un ambiente che offra a tutti pari opportunità e garantisca il benessere organizzativo. 

Un impegno rafforzatosi nel 2013 con l’emissione della Policy sui Diritti Umani, seguita nel 2015 dalla Policy Diversità e Inclusione, un fondamentale riferimento per la nostra cultura del caring. I suoi principi fondamentali rappresentano le pietre miliari per lo sviluppo di specifiche iniziative che affrontano in via prioritaria le dimensioni di genere, orientamento affettivo, età, multiculturalità, disabilità, promuovendo l’inclusione a tutti i livelli e in tutti i contesti organizzativi.

Tra le azioni sviluppate in Italia in tema di diversità di genere, ha un ruolo significativo la Policy contro le molestie sul luogo di lavoro emessa nel 2019, che ribadisce il nostro impegno a creare un ambiente di lavoro nel quale le persone vengono trattate con dignità, rispetto e decoro e ad adottare misure preventive attraverso formazione e iniziative di sensibilizzazione. Abbiamo istituito inoltre un servizio di supporto telefonico e un corso obbligatorio dedicato alla segnalazione di molestie.

Inoltre, affrontare il tema della consapevolezza finanziaria significa anche sfidare bias culturali e promuovere l'uguaglianza di genere nella gestione dell’economia familiare. Nel 2023, infatti, abbiamo organizzato una serie di incontri per incentivare le nostre persone a potenziare competenze finanziarie. 

Nell’ambito dell’orientamento affettivo, nel 2020 abbiamo aderito a Parks - Liberi e uguali, associazione di cui fanno parte diverse aziende che promuove l’inclusività globale e in particolare delle persone LGBTQI+. Da luglio 2021 abbiamo esteso le misure sui congedi parentali alle coppie omogenitoriali unite civilmente, ampliando e migliorando la normativa interna vigente. Inoltre, è previsto il riconoscimento dei permessi alle coppie omogenitoriali unite civilmente, per genitori di figli portatori di gravi infermità e titolari di Legge 104.

Siamo convinti che le diversità culturali ed etniche rappresentino una straordinaria ricchezza. Ci impegniamo a promuovere e valorizzare la conoscenza, le relazioni e le contaminazioni tra culture diverse sia all'interno che all'esterno del Gruppo. 

Crediamo inoltre che il contributo di persone di tutte le età e l’apprendimento continuo siano una ricchezza condivisa e rappresentino una fonte di innovazione e crescita. Per approfondire la dimensione dell’age management, abbiamo realizzato numerosi progetti con l’obiettivo di aumentare la consapevolezza riguardo all’ageismo e di superare ogni preconcetto e stereotipo, come Re-Generation.

Con Re-Generation, il progetto avviato nel 2021 insieme all’Università Telematica UNINETTUNO, le nostre colleghe e i nostri colleghi oltre i 45 anni di età possono arricchire il proprio bagaglio professionale con nuove competenze, per rilanciare il proprio percorso accademico e sfruttare le opportunità offerte dagli strumenti digitali.

Il nostro impegno si concretizza anche attraverso numerosi progetti volti all’inclusione delle persone con disabilità

In linea con il nostro approccio Valuability®, nel 2020 abbiamo lanciato a livello globale il progetto Value for Disability, il programma che prevede l’attivazione di prodotti e servizi inclusivi per i colleghi e per i nostri clienti. Si va dall’accessibilità di sedi e Spazio Enel, all’accessibilità digitale, fino alla formazione per lo sviluppo di attitudini personali. 

Il nostro obiettivo è la creazione di valore condiviso: le disabilità esistono, fanno parte della vita e quindi sono una risorsa da considerare e valorizzare. In quest'ottica, numerose sono state le iniziative messe in campo per favorire un cambiamento culturale nei confronti della disabilità, ad esempio, il webinar “Comunicare, Convivere e Innovare” con la partecipazione di professionisti e docenti; da luglio 2022 abbiamo costituito una nuova squadra, il Team Soluzioni Assistive, per offrire un servizio dedicato a tutti i colleghi e colleghe italiani con disabilità temporanea o permanente che hanno bisogno di un'informazione legata alle tematiche della disabilità o di una soluzione che riguarda l'accessibilità sia digitale che legata al proprio ambiente o postazione di lavoro. 

Per chi ha una disabilità visiva o uditiva sono previsti corsi di formazione che permettono di familiarizzare con le tecnologie assistive messe a disposizione, che favoriscono una maggiore autonomia e consentono di essere sempre aggiornati nel costante processo di digitalizzazione. I colleghi ciechi possono acquisire competenze nell’uso di Jaws, programma di lettura schermo con sintesi vocale che consente l'accesso alle più comuni applicazioni software e a Internet; i colleghi ipovedenti possono imparare a usare Zoom text che permette di ingrandire qualsiasi applicazione a schermo e di modificare colori e forma del cursore del mouse; i colleghi sordi possono utilizzare Pedius, un’applicazione che consente di comunicare grazie alle tecnologie di sintesi e riconoscimento vocale: durante una telefonata o una riunione l’utente può usare la sua voce naturale o scrivere messaggi, che vengono letti da una voce artificiale. In senso inverso, il sistema trascrive in tempo reale tutto ciò che viene detto dall’interlocutore. Per la formazione e la partecipazione agli eventi aziendali è in aggiunta disponibile Veasyt, un servizio di video interpretariato professionale nella lingua dei segni via web o app.

Il progetto Easy Space - Design for All mira a definire linee guida per realizzare e gestire gli spazi aziendali in modo che siano adatti a tutti. Ma un ambiente di lavoro inclusivo non è fatto soltanto di arredi adeguati e tecnologie amiche. Contano moltissimo le relazioni. Per questo, per i team che accolgono colleghi con disabilità e per i People and Business Partner realizziamo numerose iniziative di formazione, tra cui il corso Diversa-mente, per stimolarli ad adottare un nuovo approccio che consideri la diversità non come un limite, ma piuttosto come un valore per il contesto lavorativo e per guidarli all’ascolto delle specifiche esigenze delle persone con disabilità.

Upskilling 4 Healthy work 2.0 sono, invece, corsi online rivolti ai colleghi con disabilità cognitive/comportamentali che puntano a rafforzare le competenze informatiche, la capacità di autogestire gli strumenti di lavoro a distanza e la partecipazione alla vita lavorativa. Tra le iniziative a disposizione di tutti i colleghi anche un webinar sul concetto di neurodiversità e sulle implicazioni positive che l’inclusione di persone neurodivergenti può generare in ambito aziendale. Obiettivo: smettere di considerare le loro caratteristiche neurologiche come deficit, e quindi limiti, ma vederle invece come differenze, opportunità.

Infine, il progetto interattivo Think Out of the Chair: tre webinar per rovesciare stereotipi e pregiudizi. Partendo dall’analisi delle parole “disabile” e “disabilità” si definisce una nuova narrativa fatta di descrittori positivi, premianti per le persone e per l’ecosistema aziendale.

In occasione di alcune importanti giornate internazionali, abbiamo valorizzato e condiviso l’esperienza di chi conosce da vicino le mille sfumature che può assumere la nostra unicità attraverso una campagna di comunicazione “La Nostra Abilità”, una serie di video realizzati nel 2022 e nel 2023 con il contributo dei colleghi che ogni giorno con le loro abilità gestiscono la loro vita lavorativa.

Secondo alcune stime, la disabilità riguarda il 73% dei consumatori. Nonostante ciò, soltanto il 5% delle imprese offre prodotti e servizi inclusivi. Il nostro impegno per una completa inclusione e valorizzazione della diversità si estende anche all’esterno, nelle comunità in cui siamo presenti. 

Intendiamo innovare la relazione con i nostri clienti con disabilità migliorandone esperienza e accesso ai nostri servizi e prodotti. Nel 2021 abbiamo realizzato in Italia un’indagine qualitativa rivolta alle persone con disabilità uditiva, visiva e motoria. Per il 2022 abbiamo chiesto a BVA Doxa di estendere lo sguardo anche agli anziani, ai caregiver e agli stranieri con un livello elementare di conoscenza dell’italiano. Questo ci aiuterà a mettere a punto nuove idee e azioni concrete per rendere più agevole l’esperienza dei clienti in condizioni di fragilità.

Ecco alcune iniziative che abbiamo già avviato:

  • Enel X Store4All
    Shopping inclusivo, coda veloce per le persone con disabilità e software con il linguaggio dei segni sui tablet per rendere fruibili e accessibili i punti vendita e gli spazi Enel X e garantire un’esperienza di acquisto paritaria a tutti i clienti.

  • ENELPREMIA WOW! for All
    Inseriamo periodicamente nel palinsesto del programma fedeltà di Enel Energia per il mercato libero coupon per agevolare i clienti nell’acquisto di beni e servizi che possano migliorare la loro vita quotidiana. Per esempio, corsi sulla lingua dei segni, buoni sconto di farmacie online, audiolibri, piattaforme per il sostegno scolastico di bambini con deficit cognitivi e coupon per sostenere il benessere uditivo, in associazione con altri nostri partner.

  • Nuovi spazi di ricarica elettrica accessibili e JuiceAbility
    Con Enel X Way stiamo riprogettando gli spazi per la ricarica dei veicoli elettrici per renderli accessibili a tutte le tipologie di clientela, comprese le persone con disabilità. Inoltre, JuiceAbility - la soluzione nata dalla collaborazione con la startup italiana Avanchair che ha vinto il Premio Nazionale per l’Innovazione 2020 - consente alle persone che si muovono su una sedia a ruote elettrica di ricaricarla presso le nostre infrastrutture pubbliche.

Sosteniamo anche alcuni progetti esterni che vanno nella nostra stessa direzione. In occasione dell’edizione 2021 del Cresco Award, il riconoscimento promosso da Fondazione Sodalitas in collaborazione con l’ANCI, abbiamo premiato il Comune di Fossacesia, in provincia di Chieti, per il Diversamente Chiosco, un bar interamente gestito da giovani con disabilità, con l’obiettivo di favorirne imprenditorialità e inclusione. Inoltre, nell’ambito del piano di sostegno alle aree colpite dal terremoto del 2016, abbiamo donato alla Sezione CAI di Amatrice tre casette di montagna dedicate agli escursionisti, con particolare riguardo alle persone con disabilità, disposte proprio su sentieri approvati dal CAI per l’accompagnamento dei viaggiatori con disabilità con le dovute attrezzature.

 

Insieme a Enel Cuore

Su questo fronte siamo impegnati anche attraverso la nostra onlus Enel Cuore, che sostiene le realtà del terzo settore e i loro progetti per valorizzare le persone con disabilità e favorire sempre di più la loro inclusione grazie all’arte, allo sport, alla natura e a iniziative nel mondo del lavoro. Tra i tanti progetti supportati:

  • TennistavolOltre Plus
    Un progetto condotto con la Federazione Italiana Tennistavolo per potenziare le capacità motorio-sportive dei ragazzi con disabilità.

  • Stazione Bar&Cucina
    Un punto di ristoro etico e inclusivo in cui lavoreranno alcuni ragazzi con disabilità, nato a Finale Emilia dall’Associazione Rulli Frulli Lab.

  • Orchestra Regionale Inclusiva della Toscana
    Un progetto dell’associazione In-Armonia per rendere la musica orchestrale accessibile anche alle persone con disabilità.

  • Dynamo Camp
    Un centro di terapia ricreativa dove i bambini che vivono l’esperienza di una malattia grave o un lungo decorso post ospedaliero possono ritrovare fiducia in sé stessi.

  • A spasso con le dita
    Un progetto incentrato sull’inclusione di bambine e bambini ciechi o ipovedenti attraverso la realizzazione di libri tattili, una mostra itinerante e laboratori didattici.

  • Mettiamo su casa!
    Un bando per sostenere iniziative che favoriscono l’autonomia degli adulti con disabilità attraverso forme di co-housing e soluzioni innovative di domotica e design.

  • Piada52
    Un progetto di street food per sostenere l’inserimento lavorativo e sociale di giovani con disabilità che ha trasformato la vita di un quartiere a Forlì.

Contenuti Correlati