Campagna Zero Sprechi: il modello circolare dell’ex centrale di Carpi

Pubblicato il venerdì, 26 ottobre 2018

Il modello Carpi per la campagna nazionale “Zero Sprechi - Verso un’economia circolare”. Il sito dell’ex centrale turbogas di Enel, che entro il 2019 sarà convertito in un innovativo polo logistico del nostro Gruppo, è già diventato un punto di riferimento nazionale.

La riqualificazione dell’impianto emiliano è stata inserita come best practice di economia circolare nel portale zerosprechi.eu collegato alla campagna dell’associazione Amici della Terra, presentata l’11 ottobre alla Camera dei Deputati. La campagna ha come obiettivo la diffusione di un’informazione corretta sulle migliori politiche di gestione integrata e valorizzazione delle risorse, attraverso la promozione delle buone pratiche di economia circolare. Tema centrale è il ciclo dei rifiuti, che viene sviluppato fornendo analisi scientifiche con indicazioni sugli impatti, sui costi e sui benefici per ogni soluzione tecnologica di trattamento. Grazie a queste informazioni, presentate anche sul portale web collegato alla campagna, viene favorito il dibattito fra tutti gli stakeholder (istituzioni, aziende, cittadini) e sono offerti esempi concreti per migliorare la gestione dei rifiuti urbani.

L’ex centrale di Carpi è inserita nel programma Futur-e, che prevede la riqualificazione dei siti di 23 impianti termoelettrici in dismissione e di una ex area mineraria attraverso lo sviluppo di progetti innovativi e sostenibili in collaborazione con le comunità del territorio in cui si trovano.

Dopo la conclusione dei lavori di smantellamento, che hanno permesso di recuperare 3500 tonnellate di materiali metallici e 3000 metri cubi di calcestruzzo frantumato, a maggio il sito di Carpi è entrato nella seconda fase di riqualificazione: le risorse ottenute sono ora reimpiegate nella creazione di soluzioni sostenibili per il nuovo polo logistico, che prevede anche un impianto di illuminazione con lampade LED, un sistema di fitodepurazione per l’acqua sanitaria e per il recupero dell’acqua piovana destinata all’irrigazione delle aree verdi, così come per il sistema antincendio.

Un modello di economia circolare a zero sprechi e coerente con la vocazione dell’area di Carpi, considerata un polo nazionale del riciclo e del recupero grazie alla legge urbanistica regionale sul saldo zero nell’occupazione di nuove superfici. 

Scegli l'energia che fa per te

Trova la soluzione migliore per la tua casa o la tua impresa